Rifaccio Casa » Questions » Ceramica o solid stone?

Ceramica o solid stone?

295 visualizzazioni
0

Ciao vorrei sapere durata, pregi e difetti di questi nuovi materiali.
Grazie

Posted new comment

grazie, avevo visto, ma più che il piatto doccia, mi interessava proprio il lavandino e il suo uso nel tempo (lo si pulisce molto più spesso di un piatto doccia. Io ho un lavandino Catalano che dopo 10 anni è rovinatissimo. E uso pure prodotti bio per pulire!). Cercavo delle considerazioni sui lavandini a metà fra la pratica e l’estetica. Grazie della tua risposta e grazie se mi indichi altri link sull’argomento!

Perdonami, sul sito del produttore avevo letto che il loro materiale lo usano per piatti doccia e quindi l’ho dato per scontato. Posso chiederti quali danni ha il tuo lavandino in ceramica? Graffi – macchie – crepe – altro
Se capisco quali danni si sono venuti a creare provo a capire a quali caratteristiche dare più peso (non esiste un meglio o un peggio in modo generico, ma tutto dipende dall’utilizzo che ne facciamo).
Fammi sapere 🙂
Buona serata!

1

Ciao Fra,

Ho dedicato diversi post a questo argomento, quindi partirei consigliandoti di leggere:
Piatti doccia: pro e contro di tutti i materiali
Piatti doccia in agglomerato effetto ardesia

Solid Stone è il nome commerciale di un’azienda di Salerno, il cui piatto doccia è composto da resina, minerale dolomite e vetro riciclato (è riportato sul loro sito in Area tecnica > Composizione). Non conosco nello specifico questa marca, ma dalla descrizione sulla scheda tecnica è evidente che si tratti di un piatto in agglomerato con gelcoat (così capirai anche i riferimenti nei post che ti ho linkato).

Arrivando quindi al confronto tra i due materiali che mi hai chiesto, i piatti doccia in agglomerato con gelcoat hanno come vantaggio:
– sono molto accattivanti dal punto di vista estetico, in quanto l’antiscivolo è dato dalla finitura effetto pietra o legno;
– sono facilmente tagliabili dal produttore o addirittura in cantiere (quindi puoi risolvere facilmente eventuali fuori misura, pilastri che si vanno a incastrare nel piatto e mille altre difficoltà altrimenti difficilmente risolvibili);
– sono meno freddi della ceramica (quando entri in doccia con l’acqua ancora fredda, il piatto lo sentirai meno freddo sotto i piedi).

La ceramica, invece, è come la conosci già: molto resistente ai graffi e alle macchie. Per le nuove finiture opache i piatti vengono fatti cuocere in forni a temperature superiori ai 1200°C, migliorando ulteriormente la resistenza a graffi e macchie. Negli ultimi mesi stanno anche scendendo ulteriormente di spessore, si sta passando a soli 2 cm di altezza (lo standard oggi – su tutti i materiali – è di 3 cm), che consente l’installazione filopavimento anche in condizioni ancora più estreme di quelle a cui siamo abituati.

Non esiste un meglio o un peggio tra i due materiali, qualsiasi scelta tu faccia sarà giusta!
Se avessi altri dubbi non farti problemi a chiedermi.
Buona giornata, a presto!

Edited answer

Leggi anche questo!

Metti un Like
a Rifaccio Casa!

MI TROVI ANCHE QUI: SEGUIMI!

ASPETTA!

Restiamo in contatto! Lasciami la tua email, ti manderò gratis ogni settimana nuovi contenuti.