Cerchi piastrelle? Archigres.com

Guida: Colla per piastrelle C2TE S1, deformabilità e resistenza allo scivolamento

Devi incollare piastrelle e non sai quale colla utilizzare? Oppure vuoi selezionare tu la colla più adatta alle tue esigenze da far utilizzare al posatore a cui ti sei affidato? In questa guida ti spiegherò come trovare la colla più adatta per le tue piastrelle, analizzando deformabilità, resistenza allo scivolamento, presa rapida ed aderenza. Partiamo dal presupposto di utilizzare una colla a base cementizia, le più utilizzate in commercio.

CERTIFICAZIONI – Ogni colla, sul sacco (e sulla scheda tecnica che trovi su internet) riporta una classificazione – seconda la norma EN 12004 – che ti descrive completamente le sue caratteristiche in modo oggettivo. Se conosci questa classificazione, a seconda del lavoro che dovrai fare, saprai esattamente quale colla per piastrelle utilizzare. Questo post serve proprio a questo, cercherò di spiegarti tutte le possibili classificazioni in modo da poterti permettere di scegliere la colla più adatta alle tue esigenze.

MATERIALE DELLE PIASTRELLE – La prima cosa che devi chiederti è se le piastrelle da posare sono in gres porcellanato oppure no. Se sono in gres, dovrai utilizzare una colla con un’aderenza migliorata, classificata C2. Se le piastrelle sono in monocottura o bicottura potresti anche limitarti ad una colla C1, purché i formati non siano grandi.

ESIGENZE DI POSA – Devi piastrellare un rivestimento? Se sì, è importante la resistenza allo scivolamento, quindi oltre al C2 cercherai la lettera T. La lettera E – inoltre – fa molto comodo ai posatori perché permette un maggior tempo di lavorabilità della colla. Per questo quasi tutte le colle di un certo livello sono classificare C2TE. Inoltre, se hai bisogno di posare formati di una certa importanza (dal 60×60 in poi), è bene cercare anche S1 sul sacco, che significa che la colla è deformabile. Esiste anche l’S2 (alta deformabilità), che però nelle colle cementizie viene prodotto da poche aziende.

COSTO – La differenza di prezzo è ovviamente notevole. Una colla C2 si può trovare sul mercato a 10€ al sacco (da 25kg); la colla cementizia più valida e famosa arriva invece a sfiorare i 22€ al sacco. Ovviamente più vai sulla fascia alta di prezzo e meno si rischia di sbagliare, ad ogni modo se scegli una colla C2TE S1 sicuramente non ti sbagli e il tuo pavimento sarà perfettamente ancorato al fondo di posa. Trovi collanti con questa classificazione a partire dai 14€ al sacco, il che li rende poco più costosi rispetto a quelli più economici ma molto più validi. Il consiglio è quindi quello di scegliere la colla in base a una certificazione alta, risparmiando piuttosto sul nome dell’azienda produttrice.

LE PIÙ CONOSCIUTE – Le due colle più conosciute sul mercato sono H40 No Limits di Kerakoll e Keraflex di Mapei: entrambe sono classificate C2TE secondo la normativa.

RIASSUMENDO – Per ripassare il contenuto del post, il significato delle lettere è:

Composizione chimica
C: Adesivi cementizi
D: Adesivi in dispersione
R: Adesivi reattivi

Classe di prestazione
1: Aderenza normale
2: Aderenza migliorata

Caratteristiche opzionali
F: Presa rapida
T: Resistenza allo scivolamento
E: Tempo aperto prolungato
S1: Deformabilità
S2: Alta deformabilità

TI INTERESSERÀ ANCHE QUESTO - Per permetterti di approfondire meglio l'argomento, ho selezionato per te altri tre articoli collegati a questo argomento: leggili, li troverai sicuramente interessanti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *