Come scegliere il battiscopa

Ok, il battiscopa piace a pochi. Specialmente a chi – come me – apprezza il moderno. Cerchi di fare tutto per creare un ambiente il più semplice e minimalista possibile…e poi ti ritrovi con il battiscopa nella prima parte delle pareti. Inoltre c’è sempre il problema dei mobili: è fastidioso avere il battiscopa laddove andremo ad appoggiare dei mobili alle pareti.
Proprio per queste ragioni, sfogliando riviste e navigando su Pinterest ti capiterà sempre più spesso di vedere ambientazioni in cui non c’è alcun battiscopa. E’ una richiesta che ultimamente ricevo in maniera periodica anche da parte dei clienti.

EPPURE SERVE – La parte più bassa delle pareti è sempre meglio proteggerla. Stai passando l’aspirapolvere e sbatti contro il muro; mentre cammini con le scarpe in un angolo della casa per sbaglio appoggi leggermente la suola sulla prima parte della parete; un minimo di umidità di risalita. Vuoi non avere il battiscopa che ti protegga il muro?

battiscopa-in-cotto-1

IL BATTISCOPA CHE CONOSCI – Il battiscopa solitamente è lungo quanto il lato maggiore della piastrella del pavimento, e con un’altezza variabile (solitamente) da 6 a 10 cm. Più si va verso il moderno e più il battiscopa viene fatto basso, arrivando anche solo a 4 o 5 cm di altezza. La parte alta del battiscopa viene fatta stondata (questa lavorazione è chiamata becco di civetta): quindi è escluso che tu possa farti fare il battiscopa in cantiere dal piastrellista. Detto questo, negli ultimi anni il prezzo dei battiscopa si è comunque abbassato in modo deciso, vista la forte concorrenza che si è venuta a creare specialmente nel nord Italia. La “crisi del battiscopa” ha colpito soprattutto le aziende produttrici di piastrelle che, a volte, si limitano a produrre i battiscopa addirittura solo su ordinazione, limitando così il magazzino.

Battiscopa filo muro prodotto da Profilpas.
Battiscopa filo muro prodotto da Profilpas.

IL BATTISCOPA CHE NON CONOSCI – Dimentica tutto quello che abbiamo detto fino ad ora del battiscopa. Immagina la tua parete verticale senza interruzioni, solo con la fantasia del tuo pavimento nella parte più bassa (legno, cemento o qualsiasi altro effetto). Si chiama battiscopa filo muro (o rasomuro) e consiste nell’installare un pezzo di piastrella delle dimensioni di un battiscopa direttamente sotto all’intonaco, facendo combaciare le due profondità. Niente sporgenze antiestetiche, niente pittura bianca facilmente rovinabile. Tuttavia questa soluzione non la troverai mai in un catalogo, né ti consiglio di fartela fare in cantiere dal piastrellista, se vuoi avere un risultato preciso. Come fare ad avere il battiscopa filo muro, allora? Qualsiasi negozio di piastrelle è in grado di dare a ditte esterne il tuo pavimento per realizzare questa lavorazione con tanto di rettifica (il costo è di circa 4-5€/ml iva esclusa + il costo della piastrella), in modo che ogni pezzo abbia sempre esattamente la stessa altezza, al fine di vedere in casa un’unica linea orizzontale continua. Una volta fatto questo, devi dire l’altezza che hai scelto per il battiscopa a chi ti fa l’intonaco, in modo che lui parta da sopra a quell’altezza con la sua parte del lavoro.

Cosa preferisci: battiscopa normale, battiscopa filo muro o nessun battiscopa?

Scritto da Alex il 3 settembre 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *